La competenza delle persone in aiuto nella competizione delle imprese a garanzia della affidabilità, professionalità e qualità. E una mappatura dei bisogni relativamente alle figure professionali e l’identificazione di veri e propri driver su cui sviluppare nuove competenze riconosciute dal mercato. Questi gli obiettivi prioritari alla base dell’accordo fra Unimpresa, associazione che ha come funzione primaria quella di interpretare, affiancare e sostenere le micro, piccole e medie imprese che rappresentano l’asse portante dell’economia del Paese, abbattendo le tradizionali e ormai anacronistiche barriere associative fra primario, secondario e terziario e CEPAS, l’Istituto del gruppo Bureau Veritas, leader nella certificazione delle professionalità e delle competenze. Un’intesa storica perché si propone di tracciare una strategia definita volta a valorizzare le imprese e renderle più competitive, lavorando sul bene più prezioso, il capitale umano. L’intesa è stata firmata oggi a Roma dal segretario generale di Unimpresa, Laura Mazza, e dall’amministratore delegato di CEPAS, Massimo Dutto.

“Al fine di consentire alle nostre pmi italiane di essere supportate e affiancate per affrontare le nuove sfide dei mercati con la definizione di nuovi profili professionali, che abbiano delle competenze certificate sia a livello nazionale che europeo. Formazione e certificazione rappresentano la chiave del successo per le PMI italiane e per creare nuove opportunità di lavoro per giovani e coloro che dovranno ricollocarsi nel mondo del lavoro” dichiara il segretario generale di Unimpresa, Laura Mazza.

“L’accordo – sottolinea l’amministratore delegato di CEPAS, Massimo Dutto – prevede la costituzione di tavoli di lavoro con gli ordini professionali, con le Associazioni imprenditoriali o del lavoro, nonché con i soggetti che operano sul campo nel settore della formazione, per definire standard qualitativi riconoscibili e riconosciuti da tutti”.

Clicca qui per leggere la rassegna stampa e guarda il video