Seleziona una pagina

In un recente articolo, Repubblica.it racconta la crescita della certificazione in Italia, settore che si sta sviluppando sempre più soprattutto a seguito della recente emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.

La situazione ha infatti “messo nuovamente in evidenza l’importanza dei sistemi di certificazione per gestire al meglio tutte le procedure nel campo della sicurezza dei lavoratori e degli alimenti o, molto più semplicemente, avere la certezza della conformità dei dispositivi di protezione individuale.”

Come comunicato da Accredia, unico ente nazionale di accreditamento, al termine dell’assemblea annuale, il numero dei soggetti accreditati è cresciuto “del 5% in tutto il 2019, arrivando a toccare le 1.862 unità. Di questi 1.250 sono i laboratori di prova, 417 gli organismi di certificazione e ispezione, 195 i laboratori di taratura.”

Altri dati interessanti sono il totale delle giornate di verifica eseguite, che lo scorso anno sono state 16.493, con un aumento dell’8% nell’ultimo anno e dell’85% negli ultimi dieci e il numero di ispettori arrivati a quota 579.
È perciò evidente che si stia ponendo una maggiore attenzione alla cultura della qualità: “gli accreditamenti cresciuti di più hanno riguardato gli organismi di ispezione (+44%), le analisi mediche e le prove valutative interlaboratorio (rispettivamente del 27% e del 21%), seguiti da quelli per le certificazioni dei sistemi di gestione dell’energia e per la sicurezza delle informazioni (+14% entrambi), ad indicare le esigenze emergenti del mercato.

I dati dimostrano, ancora una volta, il valore che Accredia è riuscita a sviluppare nei suoi primi dieci anni di attività: certificati, prove e tarature sono ormai riconosciute come strumenti efficaci per assicurare la rispondenza di prodotti e servizi alle caratteristiche richieste, a garanzia del mercato, degli interessi pubblici e della stessa competitività delle imprese – afferma Giuseppe Rossi, il presidente di Accredia.

Gli organismi di certificazione e ispezione accreditati, saliti a 417, hanno fatto registrare l’incremento più forte, +14%.”
Riguardo al numero dei certificati di sistemi di gestione, i principali sono quelli di qualità Iso 9001 (oltre 123mila), ambientali Iso 14001 (oltre 24mila) e per la salute e sicurezza del lavoro Ohsas 18001-Iso 45001 (oltre 20mila).
“Fra i settori più certificati quello delle costruzioni, con quasi 25mila siti certificati, seguito dalla manifattura dei metalli, con oltre 14mila siti, e da quello dei servizi generali, con quasi 13mila. Nel 2019 è proseguita la crescita dei laboratori di prova accreditati, saliti a 1.250 (+2%), che rappresentano la componente preponderante (67%) dei soggetti accreditati da Accredia.”

Conclude Rossi: “Vogliamo quindi continuare la nostra attività proseguendo la collaborazione con le istituzioni, che si fidano sempre di più di Accredia, come dimostrano le nuove domande di adesione e le numerose convenzioni stipulate e rinnovate lo scorso anno, e sostenendo la domanda sempre più forte ed estesa di accreditamento, in settori come privacy, appalti, crisi d’impresa, sviluppo sostenibile e professioni.”

Per saperne di più:

Share This