Il Policlinico Tor Vergata è la prima azienda universitaria ad alta complessità ad aver adottato il Modello come risposta al bisogno e al diritto dei cittadini-pazienti alla sicurezza delle cure. Secondo quanto previsto dalle specifiche del Modello, interessati dal miglioramento sono stati gli ambienti, le infrastrutture, le procedure e le prassi di tutte le unità operative, come pure le procedure di base per la corretta gestione del rischio.

Leggi la notizia riportata su quotidianosanità.it

Oltre agli ambienti e alle infrastrutture, è stata accresciuta la cultura della sicurezza delle cure promossa all’interno dell’intera struttura ospedaliera da parte del risk manager e di tutto il team dei facilitatori.

Il Gestore del Rischio è un elemento essenziale in questo processo, infatti per questo la sua competenza deve essere certificata da CEPAS, come istituto operante secondo la norma internazionale ISO/IEC 17024, in conformità al modello approvato da Federsanità.

Solo professionisti certificati possono essere formatori per la realizzazione del Sistema di Gestione del Rischio

I facilitatori aziendali sono operatori aziendali, opportunamente selezionati ed adeguatamente formati, per l’implementazione operativa del Sistema di Gestione del Rischio, attraverso una formazione certificata CEPAS.

Di fondamentale importanza è infine il ruolo dell’auditor, che deve essere certificato come auditor e conoscitore del modello, sempre in riferimento alla ISO 17024  e in conformità al modello di Federsanità.

L’Auditor deve analizzare il rispetto da parte dell’azienda/U.O. ai requisiti indicati nel livello di specifiche del Modello scelto dall’azienda.

Ha il dovere etico dell’imparzialità e funge da supporto costruttivo al miglioramento dell’azienda.

La certificazione è rilasciata da CEPAS come Organismo di Certificazione del personale, operante in conformità alla norma ISO/IEC 17024 e formalmente riconosciuto da Federsanità ANCI per lo svolgimento delle attività correlate al Modello.