È stato siglato ieri un accordo quadro fra CEPAS e Universitas Mercatorum, l’Ateneo telematico delle Camere di Commercio.

L’intesa prevede lo sviluppo congiunto di corsi di alta formazione e formazione post universitaria, finalizzati alla creazione di nuove figure professionali per le aziende e per gli enti pubblici. La domanda di formazione tende sempre più a specializzarsi per far fronte a nuove esigenze, sino a pochi anni fa, ignorate o sottovalutate.

I primi corsi, che saranno avviati a breve, riguardano il Security manager e la Cyber Security. È significativo che i primi corsi di formazione commercializzati congiuntamente da CEPAS e Universitas Mercatorum riguardino figure come il “disaster manager”  un professionista della protezione civile in possesso di conoscenze, abilità e competenze nel campo della previsione e della prevenzione dei rischi e della preparazione e della risposta alle emergenze; o ancora il Project manager, un professionista che in un’organizzazione (pubblica o privata) svolge le attività di pianificazione, organizzazione, coordinamento e controllo relative alla gestione di progetti (intesi come insieme di processi che comprendono attività coordinate e controllate, con date di inizio e fine, realizzate allo scopo di conseguire gli obiettivi determinati). Il Project Manager, ovvero il RUP, è figura essenziale a tutti i livelli, anche comunali, della pubblica amministrazione. O ancora i professionisti della security aziendale.

Per CEPAS, che vanta un posizionamento unico nella certificazione delle competenze e che è “full member” della IPC (International Personnel Certification Association), unica associazione che, a livello mondiale, raggruppa i più importanti Organismi di Certificazione degli Auditor e dei Corsi di Formazione nonché alcuni Enti di Accreditamento, l’intesa con l’Università delle Camere di Commercio si configura come un passo importante per la fornitura di un servizio completo nel campo delle professioni. Un servizio che comprende la formazione ma che è finalizzato, secondo standard collaudati, a certificarne tutte le fasi di implementazione e a mantenere nel tempo le professionalità formate.